Wednesday, November 13, 2013

Erbazzone reggiano con Gruyère e prosciutto cotto

Swissh chard, spinach, ham and cheese savoury pie

Swissh chard, spinach, ham and cheese Italian savoury pie

Sono passati solo due mesi dall'inizio della mia vita universitaria e ho già conosciuto un sacco di gente proveniente non solo da tutta Italia, ma anche da diverse parti del mondo. Sicuramente una cosa bellissima, infatti credo che la multiculturalità sia la cosa che adoro di più dell'università, anche se devo ammettere che vivere insieme a persone con un accento diverso dal mio a volte mi fa innervosire perché a sentire gli altri parlare mi viene da cambiare il mio accento. Oltre a questo unico lato negativo della cosa, un altro aspetto invece molto positivo della convivenza con gente da tutta Italia è che ho imparato moltissime cose nuove a riguardo delle tradizioni culinarie delle diverse regioni del nostro paese. La scoperta più gustosa, per così dire, che ho fatto è stata l'erbazzone reggiano. Dovete sapere che l'argomento più discusso nella casa studentesca dove alloggio è il cibo, e ogni settimana chi torna nella propria città per il weekend porta qualcosa di preparato in casa da condividere. La mia vicina di stanza è di Reggio Emilia e un lunedì mattina, qualche settimana fa, mi ha portato in camera una bella fettona di quella ormai famosa torta salata della sua città di cui mi parlava dal primo giorno che ci siamo incontrate. L'odore era decisamente invitante; inutile dire che quella fetta di erbazzone non è resistita fino all'ora di pranzo. Una torta salata fatta interamente da lei e da sua nonna, anche la pasta sfoglia, veramente divina! Ne sono rimasta talmente entusiasta che mi sono fatta dare la ricetta e l'ho già provata a fare anch'io a casa, anche se devo ammettere che non è uscita proprio uguale. Quel tocco magico delle nonne... Comunque era decisamente buonissima anche la mia versione, a cui ho deciso di dare un twist svizzero per farla partecipare alla "Swiss Cheese Parade" dei Formaggi Svizzeri.

Swissh chard, spinach, ham and cheese Italian savoury pie

Ingredienti:
2 confezioni di pasta sfoglia rotonda
500 gr di biete lessate e sminuzzate
300 gr di spinaci lessati e sminuzzati
200 gr di gruyère DOP
2 cucchiai di olio evo
2 spicchi d'aglio
100 gr di prosciutto cotto a fette
60 gr di sbrinz DOP
sale e pepe

Procedimento:
Preriscaldare il forno a 180°C e stendere una confezione di pasta sfoglia in una tortiera dal diametro di 26 cm ricoperta di carta da forno. Grattugiare i due tipi di formaggio e tenerli separati. In una padella dai bordi alti schiacciare due spicchi di aglio e farli rosolare in due cucchiai di olio. Aggiungere gli spinaci e le biete e spadellare a fuoco medio per qualche minuto. Aggiustare di sale e pepe, spegnere il fuoco e aggiungere il gruyère grattugiato mescolando bene. Versare il composto all'interno della pasta sfoglia nella tortiera e livellare il ripieno con l'aiuto di una forchetta. Ricoprire il composto di biete, formaggio e spinaci con le fette di prosciutto cotto e spolverizzarci sopra lo sbrinz grattugiato. Coprire la torta salata con la pasta sfoglia rimanente e richiudere bene i bordi. Infornare per circa 30 minuti o fino a che lo strato superiore di pasta sfoglia non si sarà dorato. Togliere dal forno e servire tiepida o fredda a piacere.

Swissh chard, spinach, ham and cheese Italian savoury pie

Swissh chard, spinach, ham and cheese Italian savoury pie
 
L'erbazzone con un twist, a mio parere, è squisito caldo quando il formaggio è ancora filante, ma anche freddo non è niente male! Vi avverto che purtroppo probabilmente finirà in un baleno in quanto può creare veramente dipendenza! Mi viene l'acquolina in bocca solo a pensarci...

Swissh chard, spinach, ham and cheese Italian savoury pie

Enjoy!