Thursday, January 17, 2013

Muffin salati con mozzarella di bufala, pomodorini e basilico

Mozzarella, basil and tomato savoury muffins

Mozzarella, basil and tomato salty muffins

Inizio dicendo che questo sarà un "post internazionale". Dovete sapere che Katrina, la mia sorella ospitante americana, studentessa di ingegneria automobilistica al college, l'agosto scorso ha deciso di prendersi una pausa dagli studi in area meccanica. Dopo essersi resa conto che il settore automobilistico non fa per lei, ha quindi deciso di passare un semestre in Europa per schiarirsi le idee su cosa voglia veramente fare in futuro, approfittando dell'occasione anche per imparare un'altra lingua.
A settembre si è trasferita a Berlino a casa di Alice, ragazza tedesca che la sua famiglia aveva ospitato in Alaska alcuni anni fa e, dopo una gita in compagnia dei tedeschi a Roma durante le vacanze Natalizie, ha pensato di fare tappa a casa mia prima di tornare negli States. E questa è la mia scusa per la temporanea assenza dal blog: il mio nuovo lavoro da cicerone! In due settimane ho girato quasi mezza Italia, da Firenze, alle Dolomiti, a Venezia. Tra due giorni lei ripartirà; mi ha fatto piacere poterle far visitare il nostro paese ma devo anche ammettere che il tempo che è stata qui è stato veramente intenso, pieno di impegni e senza mai un attimo di relax. L'Italia ovviamente le è piaciuta molto, e mi fa sorridere il fatto che dica che sia pure "a hell of a lot better than Germany!". Ovviamente il tour che le ho fatto fare non è stato solo culturale ma, se non maggiormente, enogastronomico. So che lo scopo del mio blog è quello di dimostrare che anche in America si mangia bene ma il cibo italiano non si tocca. Nel mio anno oltreoceano ho dovuto sorbirmi imitazioni di pizza e lasagne che dei piatti originali non hanno che il nome e finalmente in queste settimane sono riuscita a far assaggiare a Katrina "the real thing". Dal modo in cui si è gustata risotti e spaghetti si direbbe che anche lei ha capito che non c'è paragone tra la versione italiana e quella made in USA; il cibo italiano lasciamolo agli italiani! Di cheeecake e cookies ne riparleremo...
Per non essere troppo imparziale allora oggi vi propongo una ricetta tradizionalmente a stelle e strisce ma con un tocco italiano, fatta per far sentire Katrina un po' a casa ma senza dimenticare i sapori genuini tipici della nostra penisola. La mia creazione sono quindi dei muffin salati con mozzarella di bufala (introvabile in Alaska e che lei adora), pomodorini e basilico fresco. Bontà assoluta; uno tira l'altro è dire poco... a casa siamo in quattro e una teglia da dodici è scomparsa in un baleno!

Mozzarella, basil and tomato salty muffins

Ingredienti:
250 gr di farina 00
10 gr di bicarbonato di sodio
½ cucchiaino (3 gr) di sale
1 uovo
200 ml di latticello (in alternativa acqua o latte scremato)
40 ml di acqua di governo della mozzarella
60 ml di olio evo
100 gr di mozzarella di bufala tagliata a dadini e ben scolata
100 gr di pomodorini
un mazzetto di foglie di basilico fresco

Procedimento:
In una ciotola grande setacciare la farina, il bicarbonato e il sale. In un'altro recipiente sbattere l'uovo con il latticello, l'acqua di governo della mozzarella e l'olio. Versare il composto nella ciotola con la farina e amalgamare bene. Aggiungere anche la mozzarella di bufala a dadini, i pomodorini interi e tagliati a metà e le foglie di basilico ben lavate e sminuzzate con un coltello di ceramica (cosicchè non si ossididino e rimangano belle verdi). Riempire una teglia da 12 muffin con l'impasto e cuocere in forno preriscaldato a 190°C per 20 minuti. Togliere dal forno e, dopo che si sono raffreddati per circa 5 minuti, rimuovere i muffin dalla teglia.

Mozzarella, basil and tomato salty muffins

Sono ottimi tiepidi, appena sfornati, quando la mozzarella è ancora filante. Morbidi, saporiti e pure profumatissimi, non vi dico il profumo che c'era in cucina! Un trionfo di colori e sapori, sono stati un esperimento che ha avuto un successo strepitoso, sicuramente da rifare!

Mozzarella, basil and tomato salty muffins

Enjoy!

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Con questa ricetta partecipo a “Un viaggio nel formaggio”
del blog La Cuochina Sopraffina e Fiordimaso